Guida agli episodi Prologo Atto 1 Atto 2 Atto 3 Atto 4

Produzione #V912 - Episodio 12

Water, Water Everywhere

(XENA E LA CITT SOMMERSA)


SCRITTO DA
TNovan


DIRETTO DA
Denise Byrd


PRODOTTO DA
C
arol Stephens


TRADUZIONE ITALIANA
Barbara Bruno/Scanto

ADATTAMENTO FOTOGRAFICO
Judi Mair


ARTWORK
Lcia


TITOLI GRAFICI
Calli


COLLABORAZIONE TECNICA ITALIANA
Scanto & Harry



PROLOGO

 

APERTURA SU:

 

EST. OCEANO - NOTTE

 

Una violenta tempesta sta scatenandosi sulle acque. Una nave seriamente battuta dalle onde furiose. I membri dell'equipaggio cercano di mantenere stabile l'imbarcazione, mentre altri di loro vengono gettati fuori bordo nel mare infuriato.

 

Xena, con Gabrielle alle calcagna, si sposta dalla poppa alla prua, cercando di superare degli uomini che lottano con le corde per mantenere le vele sufficientemente in efficienza.

 

Oltre l'ululato del vento, si ode chiaramente il rumore delle assi della nave che scricchiolano e si rompono coprendo anche le grida degli uomini.

 

XENA

(urlando)

Gabrielle! L'albero di trinchetto sta cedendo!

Non c' niente che possiamo fare.

Sta' pronta a buttarti in acqua!

 

 

Prima che Gabrielle possa rispondere, l'albero di trinchetto comincia a frantumarsi e a crollare. Mentre oscilla da un lato all'altro, le corde che tengono l'albero maestro iniziano a spezzarsi, schizzando per tutto il ponte. Gli occhi di Gabrielle si spalancano. Senza un momento di esitazione si lancia verso Xena e la butta a terra, proprio mentre la vela di maestra si sgancia, scagliando corde e attrezzi da pesca dove un attimo prima c'era la sua testa.

 

Quando le due donne cadono sul ponte, la nave improvvisamente si inclina a sinistra, costringendole a met rotolare e met scivolare contro la balaustra. Tenendosi l'una all'altra, si rendono conto che c' poco da fare e che la nave perduta. E la conferma giunge dal grido di uno dei marinai.

 

MARINAIO

GORGO!

 

DISSOLVENZA SU:

 

EST.OCEANO - GIORNO

 

Panoramica sulla distesa dell'oceano; si calmato adesso ma le scure nubi di tempesta all'orizzonte raccontano un'altra storia. Il vento ancora abbastanza forte da causare creste spumeggianti sulle onde che trasportano detriti di legno che sono quanto resta di una nave.

 

Un braccio esplode fuori dall'acqua, aggrappandosi ad una grossa asse. La testa di Xena appare in superficie. Boccheggiando, cerca di riempirsi i polmoni di quell'aria di cui ha disperatamente bisogno mentre si dirige verso i resti della nave.

 

 

I suoi occhi sono chiusi ed chiaro che qualsiasi cosa sia successa a lei e Gabrielle seria abbastanza da averla privata delle sue forze e della sua energia. Respirando lentamente e profondamente pi volte, apre gli occhi e si concentra su quelle che sembrano increspature sull'acqua di fronte a lei. Con le poche forze rimastele, la sua mano scatta ad afferrare qualcosa. E tira in superficie Gabrielle, trascinandola fino all'asse.

 

 

Una volta adagiata sul relitto, Gabrielle comincia a tossire, espellendo acqua dalla bocca e dal naso. Rimane immobile per un momento, poi i suoi occhi si aprono, storditi e confusi. Tuttavia riesce ad individuare il viso di Xena e sorride debolmente.

 

GABRIELLE

(con voce roca)

L'aldil?

 

XENA

L'aldil.

 

Gabrielle sembra accettare questo destino e i suoi occhi si chiudono. Con le ultime forze che le rimangono, Xena allunga la mano, posandola sui capelli di Gabrielle, come a stabilire un contatto con lei mentre anche i suoi occhi si chiudono lentamente.

 

 

DISSOLVENZA SU:

 

EST. ISOLA - GIORNO

 

Due uomini tirano una piccola barca sulla spiaggia e la legano ad un ceppo. Raccogliendo sacchi dalla barca se li gettano sulle spalle e cominciano a camminare su un sentiero ben tracciato lungo la sabbia.

 

AIAS

Hai fatto un buon viaggio?

 

FAIDON

Si, stato meraviglioso rivedere la

mia famiglia, ma sempre difficile

ricordare che non sono abituati

alle stesse cose mie. E tu?

 

AIAS

stato un viaggio tranquillo.

Sono sicuro che Soteres sar

compiaciuto del fatto che

non si parli pi tanto di noi.

 

FAIDON

Ne sono sicuro anch'io. So che

era preoccupato che qualcuno

potesse tornare a cercarci,

ma non penso che...

 

Improvvisamente Faidon s'interrompe ed alza la mano per far segno ad Aias di non parlare. Aias guarda nella stessa direzione che Faidon sta fissando, ma non riesce a vedere nulla che possa aver allarmato il suo amico. Strizza gli occhi per guardare meglio .

 

AIAS

Cosa?

 

FAIDON

Mi pare di aver sentito qualcosa.

 

AIAS

Probabilmente un gabbiano.

 

FAIDON

Non credo.

 

Faidon muove qualche passo, giungendo fino ad una macchia di vegetazione. Lascia cadere il suo sacco silenziosamente, poi si fa largo tra il fogliame. Aias guarda da sopra le sue spalle e resta senza fiato quando vede Xena e Gabrielle distese sulla spiaggia.

 

AIAS

Sono morte?

 

Faidon le osserva per un momento e scuote la testa.

 

FAIDON

Direi di no.

 

AIAS

Cosa dobbiamo fare? Potremmo

andare ad avvertire Soteres.

 

FAIDON

Se perdiamo tempo a farlo, temo

che quando torneremo le troveremo

gi morte. Dobbiamo aiutarle.

Aithousa lo vorrebbe.

 

 

DISSOLVENZA.
 

FINE DEL PROLOGO

ATTO 1